Guida a Divi Builder: come funziona il template Wp per creare siti

Divi Builder

Fra i vari temi della Software-Hose di Elegant Themes annoveriamo il potentissimo intuitivo modulo per la costruzione dei siti in WordPress, DIVI. Si tratta di un Template sviluppato su moduli che prende spunto e amplifica la tecnologia di Bootstrap al fine di dare un ordinamento grafico ai siti sui vari browser, ma soprattutto adattabile sui vari dispositivi mobili che ormai hanno mille forme illimitate e dimensioni. Ma vediamo nel dettaglio come funziona DIVI per WordPress.
Per prima cosa ci si deve registrare al sito www.elegantthemes.com e una volta acquistato il Template DIVI lo si potrà usare a vita. Ovviamente gli aggiornamenti sono inclusi.
Una volta scaricati il Tema DIVI e il relativo Plug-in, DIVI-Builder, li attiviamo su WordPress in modo da poter iniziare a implementare le varie modalità di uso.

Come configurare DIVI dal pannello WordPress

Esistono due macro aree per l’utilizzo di DIVI: una dal pannello amministrativo, sicuramente più tecnica e dettagliata con molte più voci e la seconda denominata Builder Visivo.
La prima area che è interna alla bacheca del sito si affaccia su tre settori, il pannello in basso a sinistra dal quale si accede alla modalità modificatore di Tema, quest’area interagisce su tutte le sezioni del plug-in permettendo anche di attivare e disattivare opzioni che poi sono presenti nell’editor visivo.

interfaccia-DIVIDivi builder installazione

Mentre le altre due praticamente identiche sono Pagine e Articoli e vengono visualizzate illustrando tre modalità di inserimento dati. La schermata blu riguarda principalmente lo sfondo e tutti i parametri grafici di allineamento del modulo allo schermo, come appunto il colore di sfondo a anche l’inserimento di un video che vada a tutta pagina.
La schermata verde riguarda oltre alle macro voci già presenti nella blu, altre opzioni molto utili per un moderno inquadramento di design delle pagine web, come l’effetto di parallasse utilizzato per mantenere le immagini ferme sullo sfondo mentre si effettua lo scrolling alto o basso della pagina.

inserire dati divi

Il modulo Grigio invece è quello che presenta più argomentazioni interessanti poiché permette di entrare nel vivo della costruzione della pagina.Non staremo qui a descrivere tutte le opzioni di questo pannello che verranno esplicate nel prossimo tutorial, ma prenderemo sotto osservazione solo la voce inserimento testo come illustrato nell’immagine seguente.

Divi-builder

Lavorare nella modalità anteprima di DIVI

Spostandoci sulla schermata anteprima del sito avremo accesso alle stesse identiche voci di prima blu, verde e grigia, ma saremo in grado di avere in più, in tempo reale, una schermata visiva che andrà ad essere la finalizzazione grafica del nostro sito.

anteprima Divi

Premendo in alto, sotto al barra di navigazione il pulsante “Attiva builder visivo” compariranno per ogni modulo inserito tre modalità di interlacciamento al sito. Ciò può avvenire sia che siano già presenti delle voci che non.
Nel nostro caso andremo a visionare le tre aree, a seguito di un inserimento fatto a priori dove per poter fare editing sui contenuti si deve premere sulla rotellina delle impostazioni. Successivamente il funzionamento è esattamente identico a quanto descritto prima, tramite il pannello amministrativo della bacheca del sito.

Gli aggiornamenti di DIVI e i problemi Seo

Gli Aggiornamenti sono uno degli aspetti più importanti di WordPress. Il Cms infatti manda notifiche ogni volta che i vari plug-in i vari up-grade del Template sempre dalla voce in basso a sinistra di DIVI nella schermata Aggiornamenti si devono inserire le credenziali che si prendono da dentro il sito della Elegant Themes, dove ci si è registrati all’interno di questo tutorial.
Si badi nel momento in cui la casa pubblicherà una nuova versione con nuove implementazioni strutturali, noi saremo sempre in grado di fare gli aggiornamenti al nostro Divi ma non avremo a disposizioni le nuove funzionalità del tema, sempre che non ci si voglia comprare la nuova versione.

inserimento dati Divi

Possiamo tranquillamente affermare che DIVI riesce ad adempiere a tutte le principali esigenze che un web designer possa avere, senza trascurare il fatto che essendo WordPress un CMS open-source si può sempre entrare nel codice e modificare i file in Php. Unica pecca, l’aspetto Seo.
Utilizzando Divi Builder per realizzare siti in modalità intuitiva si andranno incontro ad alcune problematiche a livello di ottimizzazione Seo del sito stesso. Aspetti che andremo ad approfondire in un altro tutorial dedicato proprio al tema: per ora basti sapere che il codice generato da DIVI è certamente molto ridondante (cosa che a Google non piace); e che ci sono altre pecche che non consentono di ottimizzare al meglio ogni singolo aspetto dal punto di vista Seo (per scoprire come ottimizzare dal punto di vista Seo un sito in WordPress si può leggere la guida all’indirizzo https://www.professionescrittura.com/ottimizzazione-seo-sito-wordpress/).
Pro e contro di una tecnologia che abbatte di netto le tempistiche (e anche le conoscenze tecniche richieste) per creare un sito internet.

 

Lascia un commmento